Lunedì 25 novembre 2019
ORE 07:00 I nuovi documentari (pt.134)

NERO E BIANCO. Un docufilm realizzato dal giornalista Paolo Tessadri racconta la storia del dottor Albino Mayom Kuel, il primo rifugiato politico-religioso in Trentino. Nato in un villaggio del Sud Sudan, si è laureato all'Università di Padova ed ha lavorato come medico all’ospedale di Ala. In seguito divenne medico di base ad Avio.

ORE 09:00 Ritagli di storia (pt.6)

KAISERJAEGER Intervengono nella puntata: Luca Girotto, Camillo Zadra, Quinto Antonelli, Renzo Francescotti.

ORE 11:00 Uomini che maltrattano le donne (pt.7)

UOMO MALTRATTANTE. Le ospiti di puntata sono la regista Elisabetta Lodoli, che ripercorre l’intenso lavoro per la realizzazione del documentario Ma l’amore c’entra? (Italia, 2017), e la psicologa Cristina Garniga che racconta CambiaMenti, un percorso antiviolenza per uomini promosso dalla Provincia Autonoma di Trento.

ORE 15:00 I nuovi documentari (pt.134)

NERO E BIANCO. Un docufilm realizzato dal giornalista Paolo Tessadri racconta la storia del dottor Albino Mayom Kuel, il primo rifugiato politico-religioso in Trentino. Nato in un villaggio del Sud Sudan, si è laureato all'Università di Padova ed ha lavorato come medico all’ospedale di Ala. In seguito divenne medico di base ad Avio.

ORE 17:00 Ritagli di storia (pt.6)

KAISERJAEGER Intervengono nella puntata: Luca Girotto, Camillo Zadra, Quinto Antonelli, Renzo Francescotti.

ORE 20:30 Fare Storia. Seconda stagione (pt.2)

LUOGHI DI CURA IN ETÀ MODERNA: LE INFERMERIE CONVENTUALI. Parleremo di infermerie conventuali, di come questi luoghi siano stati una delle poche risorse in grado di assistere i malati gravi prima dell’avvento della più moderna organizzazione sanitaria. La cura dello spirito mai totalmente disgiunta da quella del corpo. Un programma di Rodolfo Taiani.

ORE 22:00 Fare Storia. Seconda stagione (pt.2)

LUOGHI DI CURA IN ETÀ MODERNA: LE INFERMERIE CONVENTUALI. Parleremo di infermerie conventuali, di come questi luoghi siano stati una delle poche risorse in grado di assistere i malati gravi prima dell’avvento della più moderna organizzazione sanitaria. La cura dello spirito mai totalmente disgiunta da quella del corpo. Un programma di Rodolfo Taiani.