15:29

Valentino Torboli impara l’arte del maniscalco fabbro dal padre Albino a quattordici anni. Il maniscalco è colui che si occupa di ferrare cavalli, buoi, muli e asini. Verso gli anni cinquanta, con l'arrivo dei trattori e delle macchine agricole, l’arte del maniscalco è andata sparendo assieme all'impiego degli animali in campagna.

13:32

Nei primi anni Sessanta Giannina Lutteri, contro il volere della famiglia, si iscrive a un corso di estetista. In breve attrezza un piccolo salone e comincia a lavorare: i fatti le danno ragione. Dal 1969 inizia ad insegnare presso la scuola provinciale per estetiste di Trento. In quegli anni sono numerosi i corsi d’aggiornamento e le conferenze a cui partecipa.

19:57

L'esperienza di Gino Pasqua come meccanico inizia in un'officina della zona durante la Seconda guerra mondiale: nella sua memoria sono rimasti molti episodi legati a questo periodo. Poi, nel 1954, inizia a lavorare in proprio ad ad Arco. Un programma di Matteo Gentilini e Alice Manfredi, realizzato in collaborazione con Mnemoteca del Basso Sarca.

12:56

Un programma dedicato alla storia della ferrovia che ai primi del '900 collegava Mori, Arco e Riva del Garda. Nella seconda puntata emergono le paure che un progetto così mastodontico provocò negli abitanti e le conseguenti polemiche. Un format a cura di di Anna Bressanini e Martin Alan Tranquillini.

19:35

La famiglia Braus, come tante originarie del Tesino, apparteneva alla larga schiera di migranti che furono ambulanti e merciai, poi specializzatisi in lenti ottiche e fotografiche. Il nonno Faustino fu il primo dei Braus a transitare ad Arco e colui che consigliò al figlio Ruggero di cominciare a confezionare e a vendere gli occhiali. Nel 1929 Ruggero ottenne la licenza per vendere occhiali.

15:30

Luigi Emanuelli, nel 1870, apre ad Arco un negozio di cartoline, libri e giocattoli con annessa legatoria. Gli subentra poi il figlio Ernesto che era stato rilegatore alla corte asburgica di Vienna. Un format dedicato alle testimonianze raccolte dalle comunità: in questa serie si raccontano gli artigiani di Arco.

10:17

Un nuovo programma ripercorre la storia della ferrovia che collegava Mori Arco e Riva del Garda nei primi anni del '900. Nella prima puntata si analizza la conformazione geologica e la morfologia del terreno che la ferrovia percorreva. A cura di di Anna Bressanini e Martin Alan Tranquillini.

0:16

Otto forti austroungarici del Trentino, quindici gallerie d'arte contemporanee del Triveneto, ventotto artisti, tre musei. Sono i numeri di ArteForte, un progetto sinergico tra soggetti pubblici e privati che quest'estate ha trasformato luoghi di scontro in luoghi d'incontro. Il bilancio della prima edizione e alcuni dei protagonisti nel Lab a cura di Chiara Limelli.

15:55

Pio Angelini inizia l’attività di orologiaio nel 1948, quando gli orologi erano meccanici e si doveva costruire manualmente ogni parte con strumenti di precisione.Un format dedicato alle testimonianze raccolte dalle comunità: in questa serie si raccontano gli artigiani di Arco. Un programma di Matteo Gentilini e Alice Manfredi, realizzato in collaborazione con Mnemoteca del Basso Sarca.

18:25

Una pro loco attenta alle nuove generazioni e ai mezzi di comunicazione non tradizionali. È la pro loco Prade Cicona Zortea che per commemorare il Centenario della Grande Guerra si è affidata al mondo del comics.